enit
Missioni possibili. 5 storie di leadership culturale
#CULTURA

Il coraggio di sperimentare

Con il decimo numero di Conectando Audiencias Italia, celebriamo il 5° anno della nostra rivista e concludiamo un ciclo di CAIT così come è stato realizzato finora per lasciare spazio a nuove forme di diffusione di conoscenza, strumenti e relazioni internazionali che prenderanno forma nei prossimi mesi.

Per questa occasione abbiamo deciso di confezionare un numero speciale, focalizzato esclusivamente sulle interviste a leader culturali del panorama nazionale e internazionale.

Abbiamo raccolto cinque storie di innovazione manageriale: due direttrici e tre direttori raccontano come contribuiscono quotidianamente a realizzare la visione e la missione della propria organizzazione per renderla rilevante per le loro comunità, dimostrando un grande coraggio nella sperimentazione e nel ripensare sé stessi, la cultura organizzativa e l’offerta culturale.

Iniziamo da Karen Grøn, direttrice del Museo danese Trapholt che ha rinnovato l’organizzazione partendo da cinque asset gestionali e classificando i pubblici secondo quattro categorie affinché il museo potesse diventare un luogo piacevole per diverse tipologie di utenti, visitatori e visitatrici.

Ci spostiamo in Spagna dove Jesus Herrera, Direttore Generale dell’Orchestra Sinfonica di Castilla-León ci racconta una serie di programmi innovativi rivolti ai cittadini come l’Abbonamento di prossimità e la rassegna Piazze Sinfoniche.

Segue il contributo di Mød Anna Malzer, direttrice del Teatro danese Mungo Park, che ha esplorato nuove strade portando storie globali sul palcoscenico locale in modo da creare un teatro in cui le persone potessero riconoscersi e identificarsi.

Adempiere alla propria missione ascoltando i bisogni del pubblico e costruendo strategie inclusive è il filo conduttore di questo numero e l’ultimo articolo internazionale ci arriva dall’Inghilterra. Edward Lambert, direttore artistico del Music Troupe e il dottor Andy Northcott, docente presso l’Istituto Geller, raccontano come è nato il progetto “l’ultima Sirena” che mira a rendere l’Opera adatta alle persone affette da demenza senile.

Concludiamo questo numero con l’intervista a Roberto Ferrari, direttore esecutivo del Museo Galileo di Firenze, che ha condiviso con noi una serie di riflessioni e azioni legate alle sfide che il suo museo scientifico deve affrontare: la transizione gemellare (digitale e ambientale) e la strutturazione di un primo bilancio di sostenibilità che ha permesso di mettere in ordine le diverse priorità del museo.

Con l’auspicio che questo decimo numero possa ispirare anche voi nel portare avanti missioni possibili e tracciare nuove traiettorie di innovazione sociale e culturale, vi auguriamo una buona lettura e vi ringraziamo per la fiducia e l’affetto dimostrato in questi anni di CAIT insieme.

“Missioni possibili. 5 storie di leadership culturale” è disponibile gratuitamente qui

Inoltre, come sempre, sulla pagina dedicata a CONECTANDO AUDIENCIAS ITALIAsono disponibili tutti i numeri precedenti e sul canale podcast di MeP, una selezione degli articoli dei vari numeri pubblicati in questi 5 anni.

A presto!

Patrizia B. e lo staff di CAIT

Prossimo
Facciamo rete: comunità educanti a confronto
#COMUNIT